Editoriali

Tre tecniche “nuove”, che sanno d’antico

10481088_976566149040520_919241266635387101_oSul numero del 16/07/2015 del settimanale “Nuovo”, leggiamo un articolo destinato a rivoluzionare l’odontoiatria mondiale e a lasciare senza parole tutti coloro che fino ad oggi hanno studiato nelle Università e nei Centri di ricerca. Infatti si scopre che: “Rughe e bocca cadente? Da oggi il lifting si fa dal dentista”.

Scrive l’articolista: “L’intervento che si esegue con tre tecniche….modifica l’altezza delle arcate dentarie, migliora l’ovale e il profilo e così spiana le rughe sul mento e attorno alle labbra“.

Quali sono queste tre tecniche che da oggi consentono di fare il lifting dal dentista?

  • – L’apparecchio con rialzi delle zone premolari e molari
  • – La protesi: per coloro che portano la dentiera si rifà la protesi con denti in ceramica che sollevano le arcate dentali
  • – Il rimodellamento, allungando i molari e premolari con un rialzo sulla parte finale del dente.

Queste tre tecniche, conosciute da tempo immemorabile, vengono presentate come novità eccellenti che risolvono l’estetica del viso.

Siamo assolutamente certi che il dott. Gianfranco Aiello, al quale sono attribuite le frasi riportate nell’articolo (“svela tre nuove tecniche”) non ha avuto la possibilità di verificare ciò che veniva pubblicato prima dell’avvenuta pubblicazione. Sarebbe altrimenti intervenuto correggendo le affermazioni che coprono di ridicolo la professione odontoiatrica. Vogliamo sperare che in un prossimo futuro i colleghi siano più attenti alla verifica di ciò che i giornalisti mettono loro in bocca sulle riviste non scientifiche.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...