Editoriali

Fumo, i conti non tornano

Smoking_2863037bLeggiamo su “Odontoiatria 33”del 17-09-2015 una notizia che riempie il cuore di buon umore: “Il Ministero si schiera contro il fumo. I dentisti i primi tra i professionisti della salute a dare il buon esempio, ma non basta”. Nell’articolo si legge che: “…secondo un sondaggio proposto dai promotori del progetto No smoking be happy  (Fondazione Umberto Veronesi, ISI, ANDI)  … la stragrande maggioranza  dei dentisti dichiara di aver segnalato ai propri pazienti fumatori i danni del fumo (98%) e ha promosso la cessazione del fumo (93%)…il 17% degli intervistati si è dichiarato fumatore…”

Ora lungi da noi dubitare di dati forniti da fonti così autorevoli, forse, sarebbe meglio andare a fondo della questione che è davvero importante e, senza nessuna volontà polemica, capire quale sia realmente la situazione. I dati riportati sono estrapolati dalla analisi di un questionario (1)  fatto nel 2014. Sono stati inviati più di 20.000 questionari e hanno risposto 883 dentisti residenti in tutta Italia.

20.000 questionari inviati significa  che sono stati consultati circa il 30% dei dentisti italiani. Se hanno risposto in 883, su circa 56.000 odontoiatri, significa circa l’1,57% del totale.

Se la stragrande maggioranza  dell’1,57% dei dentisti italiani (cioè quelli così sensibili da rispondere al questionario, e dunque certamente NON rappresentativi della massa globale) dichiara di “aver segnalato  ai propri pazienti fumatori i danni del fumo”, affermare con questo che “i dentisti sono  i primi tra i professionisti della salute a dare il buon esempio” sembra a dir poco fantasioso.

Se a ciò si aggiunge che molti di questi 883 hanno anche mentito, il ragionamento diventa ancora più impietoso. Perché hanno mentito?

Perché il 93% di costoro ha dichiarato di aver “promosso la cessazione del fumo”  tra i propri pazienti quando 150 degli 883 (17%) hanno dichiarato di essere fumatori, è chiaro che i conti non tornano, a meno che non si voglia dar credito alla immagine del medico che, con la sigaretta in bocca, spiega al paziente che deve smettere di fumare.

L’argomento è davvero importante e l’addestramento degli odontoiatri a  essere educatori permanenti per il miglioramento della qualità della vita del cittadino è questione di importanza decisiva, che si incrocia con il concetto di “servizio globale” dello studio odontoiatrico, di “alleanza terapeutica” con il paziente e di partecipazione di tutta la squadra (odontoiatra, igienista, assistenti) alla educazione continua propria e del paziente. Dunque davvero non serve mettersi le piume del pavone  ma, al contrario, lavorare, lavorare, lavorare. Probabilmente è colpa nostra che siamo stati distratti ma di questa campagna di sensibilizzazione… noi non ci siamo accorti.

Paglia G, Gallus S, Crippa R,Mancini E.G, Paglia L, Zuccaro P: “No smoking  be happy per il tuo sorriso promuove una campagna di sensibilizzazione  contro il fumo rivolta agli odontoiatri  italiani e ai loro pazienti…”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...