News

Prima dello sbiancamento, l’ablazione del tartaro

Schermata 2018-02-20 alle 16.44.27I prodotti in commercio per lo sbiancamento sono dannosi per lo smalto?
È questa una questione sulla quale si discute da anni anche perché
differenti autori hanno portato risultati contrapposti fino ad arrivare alla situazione curiosa per cui autori diversi presentano risultati opposti considerando le medesime concentrazioni del medesimo principio attivo.
Questo interessante lavoro di Cogo e altri analizza con attenzione i
differenti prodotti e la letteratura a oggi pubblicata in merito alle
conseguenze sullo smalto dell’utilizzo di questo o di quel prodotto.
A conclusione di tutta la ricerca gli autori suggeriscono l’utilizzo di
prodotti sbiancanti con pH intorno al 7 (neutro) o > di 7 (basico) poiché
con questo pH non risultano esservi danni allo smalto. Di più,
contrariamente a quanto ritenuto, la liberazione di ossigeno (e quindi
l’effetto sbiancante, è migliore in ambiente basico che non in ambiente
acido. A tutte queste considerazioni ne va aggiunta una determinante: in
presenza di biofilm batterico e/o di tartaro, i prodotti sbiancanti non
hanno alcun effetto. Poiché dunque l’obiettivo non è sbiancare il tartaro ma i denti, è necessario prima fare una accurata ablazione del tartaro sopra e sotto gengivale.

Cogo E, Sibilla P, Turrini R “Correlazione tra pH dei protoddi sbiancanti e
danni sullo smalto post-sbiancamento” Dental Cadmos 2018;86(2):142-146

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...