Gli impianti e la perimplantite
Clinica&Ricerca/News

Gli impianti e la perimplantite

La perimplantite si presenta sempre più come il principale problema per il mantenimento nel tempo degli impianti. Nonostante sia abbondantemente dimostrato che le manovre periodiche di igiene orale professionale, associate ad una attenta igiene orale domiciliare, rappresentino il principale elemento di prevenzione per la perimplantite, ancora con troppa frequenza si assiste ad una insufficiente attenzione … Continua a leggere

Estrazioni del dente del giudizio incluso: agopuntura un’alternativa per il dolore
Clinica&Ricerca/Gli Studi/News

Estrazioni del dente del giudizio incluso: agopuntura un’alternativa per il dolore

Leggendo sul numero di Gennaio del Journal of Oral and Maxillofacial Surgery, Medicine, and Pathology, balza all’occhio un peculiare lavoro dell’Università di Damasco sull’efficacia dell’agopuntura tradizionale cinese nella gestione del dolore post operatorio dopo la (frequente) procedura di estrazione dei denti del giudizio inclusi, in alternativa ai farmaci antidolorifici e antinfiammatori di comune uso e … Continua a leggere

Solo dopo la morte non c’è prevenzione
Clinica&Ricerca/News

Solo dopo la morte non c’è prevenzione

Prevenzione significa “predisporre misure utili a evitare eventi dannosi”: la prevenzione nell’arco della vita non è sempre potenzialmente applicabile: alla nascita la prevenzione teoricamente è possibile al 100 per cento, mentre alla morte non si può più parlare di possibile prevenzione. Iniziamo con una provocazione: quando non c’è più possibilità di prevenzione tutti i nostri … Continua a leggere

EBM e EBD: linee guida in odontoaitria
Clinica&Ricerca/Gli Studi

EBM e EBD: linee guida in odontoaitria

Quotidianamente il clinico è chiamato a rispondere, ai quesiti diagnostici, prognostici e terapeutici di ogni singolo paziente. La maggiore difficoltà in questo processo risiede soprattutto nel rispondere a tali domande nel miglior modo possibile e nel minor tempo possibile, ossia fornire al paziente quanto di meglio sia al momento disponibile. Questo significa aggiornamento. È infatti … Continua a leggere

Amalgama: e ancora se ne parla
Clinica&Ricerca/Gli Studi

Amalgama: e ancora se ne parla

Sono più di cinquant’anni che si discute del problema della presunta tossicità dell’amalgama d’argento, materiale utilizzato tradizionalmente per trattare le carie dentarie, soprattutto nei settori posteriori del cavo orale. L’evento scatenante fu il disastro di Minamata, causato dalla Chisso Corporation: dal 1932 al 1968 riversò nelle acque reflue della ditta metil mercurio, provocando una sindrome … Continua a leggere

Clinica&Ricerca/News

Concentrato di fibrina, un parere positivo

Torniamo ancora una volta sul problema dell’utilizzo del concentrato di fibrina (platelet-rich fibrin). Come abbiamo visto ripetutamente nel corso degli anni si sono presentate pubblicazioni contradditorie che in parte dimostravano l’efficacia dell’utilizzo di questo materiale, e in parte lo negavano. Oggi su Journal of Clinical Periodontology esce un lavoro che, sulla base di una sistematica … Continua a leggere

Clinica&Ricerca/News

Impianto e osteoporosi: trattamento affidabile

L’argomento della possibilità, o meno, di fare impianti nelle donne che hanno superato i 60 anni di età, e siano portatrici di osteoporosi-osteopenia, è stato ripetutamente analizzato nel corso degli ultimi 20 anni dalla letteratura scientifica. Oggi sul Clinical Oral Implants Reseach esce un lavoro che riprende questo argomento analizzando i risultati di 148 impianti … Continua a leggere

L’impiego odontoiatrico della tossina botulinica
Clinica&Ricerca/Gli Studi

L’impiego odontoiatrico della tossina botulinica

La tossina botulinica è una neurotossina prodotta dal Clostridium Botulinum, un batterio gram-positivo sporigeno, responsabile del botulismo, rara patologia potenzialmente letale che può essere contratta mediante l’ingestione di cibo contaminato, in cui il C. Botulinum si è sviluppato e ha prodotto la tossina, dalla colonizzazione del tratto gastrointestinale infantile da parte di spore ingerite (Botulismo … Continua a leggere

Filo interdentale? No, grazie. Scovolino interdentale? Sì, grazie
Clinica&Ricerca/Gli Studi

Filo interdentale? No, grazie. Scovolino interdentale? Sì, grazie

Esce, su “odontoiatria 33” del 6 ottobre 2016 un articolo intitolato: “Il filo interdentale è efficace? L’esame della letteratura alimenta lo scetticismo”. Il filo interdentale potrebbe essere inutile, questa è la notizia che quest’estate è stata ripresa anche da molti media nazionali italiani. Questo è il cuore della notizia. Ora tutti sappiamo che il filo … Continua a leggere

I segreti di un bel sorriso
Clinica&Ricerca

I segreti di un bel sorriso

Molti sono i fattori da prendere in considerazione per ottenere una buona estetica del sorriso e facciale. Importanti sono senza dubbio le caratteristiche del dente: la forma, le dimensioni, la posizione, l’allineamento, il colore, ecc. Ma, in occasione di una riabilitazione proteica in settori ad alto impatto estetico, è necessario valutare con attenzione sia tessuti … Continua a leggere

Impianti endossei in pazienti over 85 anni e buona qualità di vita
Clinica&Ricerca/I Casi

Impianti endossei in pazienti over 85 anni e buona qualità di vita

Che l’implantologia sia una metodica in grado di risolvere molti problemi dei pazienti odontoiatrici è questione da tempo dimostrata e universalmente accettata. (1,2) Con il progressivo allungarsi della vita media e dell’aspettativa di vita, si pone sempre più spesso al clinico il dubbio se operare pazienti molto anziani, che hanno tuttavia una buona qualità di … Continua a leggere

Il paziente cardiopatico e sotto anticoagulanti in odontoiatria
Clinica&Ricerca/Gli Studi/I Casi

Il paziente cardiopatico e sotto anticoagulanti in odontoiatria

In Italia, dai dati della “Quarta Con- ferenza Nazionale di Prevenzione Cardiovascolare (ISS aprile 2010) la patologia cardiovascolare ha una prevalenza del 7.8% nei maschi e del 5.4% nelle femmine con un’in- cidenza di 100mila nuovi eventi cardioischemici all’anno e 50mila nuovi evento cerebrovascolari/anno. Il 44% dei decessi è per cause car- diovascolari. Le norme … Continua a leggere